Share

Blog

Ecobonus: a cosa serve?

L’ ecobonus serve per chi vuole beneficiare degli incentivi per la progettazione di interventi edili mirati al miglioramento e alla messa in sicurezza del proprio immobile.

La detrazione per i lavori di risparmio energetico che rientrano nell’ ecobonus sono pari al 50% e 65% delle spese eseguite per diverse tipologie di realizzazione e può essere sfruttata dal privato come dal professionista.

L’ ecobonus viene erogato in forma riduttiva delle imposte dovute in 10 comode rate annuali pari all’importo stabilito. Per capire nel dettaglio come funziona l’ecobonus bisogna far riferimento alla guida dell’Agenzia delle Entrate aggiornata al 18 Ottobre 2018 con tutte le novità sulla detrazione fiscale Irpef che arriverà al 85% per i lavori svolti a migliorare il rischio sismico dei condomini e al 70%-75% solo su parti comuni del condominio.

Uno dei requisiti necessari per accedere all’ecobonus è che l’intervento sia eseguito su immobili o edifici già esistenti e di qualsiasi categoria catastale, inoltre è ammesso anche nel caso di lavori di riqualificazione su beni strumentali.

La logica con cui si delibera l’ecobonus è quella di agevolare con detrazioni maggiori le spese che consentono di beneficiare di un maggiore livello di risparmio energetico e attualmente sono indicati dei limiti entro i quali sono ammesse le spese di detrazione:

-100.000 euro per gli interventi di riqualificazione energetica;

-60.000 euro per gli interventi sull’involucro dell’edificio;

-30.000 euro per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, ovvero installazione di impianti dotati di caldaie a condensazione, pompe di calore ad alta efficienza e impianti geotermici a bassa entalpia;

-60.000 euro per l’installazione di pannelli solari utili alla produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in piscine, strutture sportive, case di ricovero e cura, istituti scolastici e università.

Si allega di seguito la guida all’Ecobonus dell’Agenzia delle Entrate per avere maggiori lucidazioni in merito alle spese e gli interventi per cui è possibile richiedere l’ecobonus.

Comments are closed.