Image Alt

Brick Costruzioni

IL FUTURO SARÀ DI CITTÀ FATTE DI GRATTACIELI IN LEGNO

Interessante seppur criticata, la tesi di Eduardo Wiegand, che collabora con il progetto finlandese di edilizia e design Kokoon, secondo cui il futuro del pianeta sarebbe quello di avere città fatte di grattacieli in legno. Questa conclusione che sembra bizzarra a primo acchito, ma che a un’analisi approfondita nasconde qualche spunto interessante, nasce da uno studio per risolvere la crisi abitativa in Finlandia. La soluzione a un problema che, in realtà, non coinvolge soltanto lo stato scandinavo, è un sistema di abitazioni prefabbricate, trasportabili e modulari, oltre che versatili per tutte le esigenze. Il materiale migliore per dare vita a questo sistema di abitazioni è, appunto, il legno.

Wiegand, a questo punto, ci dice che a differenza di cemento e acciaio, il legno è una fonte rinnovabile, richiede meno energia per essere prodotto e quindi anche meno inquinamento. Non diventa un rifiuto, al termine del suo ciclo di vita ma anzi può essere riciclato e impiegato nuovamente oppure smaltito per decomposizione o come combustibile. Caratteristiche non di poco conto, se si aggiunge che il legno è anche in grado di assorbire grandi quantità di CO2.

Da qui l’idea di un futuro di città fatte di grattacieli in legno: compatte e verticali, per far fronte alla dispersione urbana e rendere i centri urbani funzionali e organizzati.

Questa tesi ha riscontrato tantissime critiche ma Wiegand non si è dato per vinto e ha elencato una serie di altri punti a favore del suo pensiero. A cominciare dalla tecnologia, che al giorno d’oggi, è abbastanza evoluta da poter realizzare strutture in legno come i grattacieli, sfruttando tra l’altro una enorme quantità di tipi differenti di legno.

Altro vantaggio è che edifici in cemento e acciaio hanno ormai una durata di vita che va dagli 11 ai 32 anni e ciò genera una creazione di rifiuti enorme. Il legno, invece, che è riutilizzabile, è l’alternativa migliore per contrastare l’inquinamento delle emissioni che sconvolgono sempre più i cambiamenti climatici. Basti pensare che soltanto in Europa, negli ultimi dieci anni, l’edilizia ha causato il 36% delle emissioni totali, mentre gli USA salgono al 39%. Dati che fanno riflettere parecchio sul fatto che la tesi di Wiegand di città fatte di grattacieli in legno, non sia una soluzione auspicabile.

Ti ha incuriosito questa notizia sulle città fatte di grattacieli in legno? Noi di Brick Costruzioni, lavoriamo già seguendo l’ottica Green Building. Se vuoi un’abitazione a impatto zero sull’ambiente, non devi fare altro che contattarci.

d
Sed ut perspiclatis unde olnis iste errorbe ccusantium lorem ipsum dolor