Blog

Porta da interni: elemento d’arredo e design che separa gli spazi.

Scegliere per la tua casa la porta da interni oggi è un intervento da non trascurare perché permette di separare o creare continuità visiva tra gli ambienti e rappresenta senza dubbio una soluzione d’effetto dagli straordinari risvolti funzionali ed estetici.

La porta da interni contribuisce all’unicità della casa anche per contesto stilistico in cui è inserita: tradizionale, classico, country, moderno, minimale o decorativo. La porta da interni è progettata per adattarsi a qualsiasi contesto architettonico, soddisfando le esigenze dei consumatori finali e dei progettisti.

Quindi l’acquisto di una porta da interni oltre a una serie di valutazioni tecniche richiede anche considerazioni a livello di gusto personale. Esempio, nella vostra casa la porta da interni deve essere uguale in tutti gli habitat? Beh, pensiamo di no.

Per la zona notte si consiglia sempre una porta da interni dallo stile contemporaneo, in essenza o laccati, mentre per la zona giorno è frequente l’uso della porta da interni soprattutto in vetro, per non parlare di bagno o ripostigli che hanno spesso, ma non sempre, la valenza di salvaspazi.

Cmq per qualsiasi porta da interni si opta deve esserci sempre un filo conduttore che la colleghi alle finiture dei mobili o del battiscopa, vediamo nel dettaglio qualche tipologia.

Porta da interni in vetro: adatta ad ambienti contemporanei donano effetto moderno ed essenziale. Il vetro di tipo temperato (o stratificato se le porte sono anche molto grandi) assicura grande resistenza e sia attiene alle norme vigenti di scurezza UNI 7697 in caso di rottura.

Porta da interni in legno: Nelle sue versioni più attuali (rovere grigio, rovere moka, frassino sbiancato) resta una soluzione intramontabile e si adatta a case moderne o anche più tradizionali. Ci deve essere però una certa uniformità o, all’opposto, si deve cercare il contrasto, ma fra non più di due elementi.

Porta da interni laccata: è congeniale per ambienti arredati con mobili antichi o dallo stile vintage, servono per stemperare o creare punti di colore. Che sia di bianco o toni accesi è indifferente l’importante che si sposi con pareti, arredi e tessili della casa.

Porta da interni scorrevole: sono facili da installare, sono esterne alla parete, prive di telaio e in diversi materiali che possono conferire un aspetto personalizzato al “look” della casa.

Porta da interni a scomparsa: chiamata così perché spariscono all’interno del muro, un cassone chiamato controtelaio, e ottimizzano gli spazi. Unico neo che possono essere installate in porzioni di muro prive di pilastri portanti.

Porta da interni invisibile: un evoluzione della scorrevole in quanto installata a raso della parete senza cornici, allineandosi al muro creando una superficie uniforme in modo leggero e discreto.

Allora sono belle queste porte, vero? Contattateci così i nostri architetti sapranno consigliarvi la migliore soluzione per separare o creare continuità visiva tra ambienti con la porta da interni.

Comments are closed.