Image Alt

Brick Costruzioni

DEVI RISTRUTTURARE UN BAGNO CIECO E NON SAI COME FARE?

Il bagno cieco è la tipica soluzione architettonica che alla lunga chiunque finiamo tutti per odiare quando si trova in casa nostra; nel tempo, infatti, scarsa illuminazione e pessima circolazione d’aria sono due caratteristiche che, quando si parla di bagno, possono risultare veramente scomode, se non sgradevoli. Sono molte, tuttavia, le soluzioni per ristrutturare un bagno cieco che potete applicare per salvaguardare problemi di cattivo odore o muffa nel vostro bagno senza spendere un capitale.

CATTIVO ODORE

Il cattivo odore del bagno cieco richiede, per esempio, la necessità di installare un impianto di ventilazione con sistemi naturali o meccanici, che permette una buona circolazione di aria nuova e ricambio della precedente. La ventilazione naturale, infatti, è più semplice da installare e mira a creare un piccolo ricambio d’aria nell’ambiente mentre quella meccanica prevede un’importante immissione di aria pura proveniente dall’esterno tramite un interruttore elettrico.

MUFFA

La formazione di una possibile muffa, invece, è un problema del bagno cieco ancora più endomico e richiede opere di ristrutturazione più mirate. Potrebbe essere, infatti, consigliabile intervenire periodicamente con una pittura del bagno, utilizzando il materiale noto come idropittura (più resistente all’eventuale formazione di muffa), oppure eseguire delle iniezioni di resina per proteggere i muri da segni dell’umidità.

SCARSA ILLUMINAZIONE

Sostanzialmente, l’assenza di finestre comporta due effetti:
– Niente luce solare
– Maggiore cosumo di energia elettrica

Ecco perché la maggior quando ci troviamo a ristrutturare un bagno cieco i nostri primi interventi hanno come obiettivo proprio quello di risolvere il problema dell’illuminazione.

Un trucco semplice ma efficace è senz’altro quello di utilizzare, durante gli interventi periodici di pittura di cui parliamo sopra, colori chiari a cui affiancare oggetti di arredamento in grado di prendere la luce dalle stanze limitrofe dotate di finestre e balconi come gli specchi.

Eventuali aperture del muro verso le stanza vicine, inoltre, possono fungere da vere e propri punti luci in grado di sfruttare la relativa illuminazione esterne e le installazioni di luci artificiali – con colori sempre chiari e luminosi – sono molto utili per dare una sensazione d’illuminazione simile a quella solare.

Questi i piccoli, grandi consigli dei nostri architetti e designer, ma sappiamo bene che ogni casa, ogni bagno, ogni proprietario hanno le proprie caratteristiche e gusti.

Vuoi trasformare il tuo bagno cieco a Roma in una stanza completamente nuova e priva di difetti? Contattaci per un sopralluogo gratuito!

d
Sed ut perspiclatis unde olnis iste errorbe ccusantium lorem ipsum dolor