Blog

TRASFORMARE LA MANSARDA IN SOFFITTA ABITABILE?

Proprio ieri, discutendo di riqualificazione energetica di un immobile preesistente, parlavamo di trasformare la mansarda in soffitta abitabile come uno degli interventi più efficaci e richiesti. In effetti, questo tipo di ristrutturazione, se effettuato in modo adeguato, è uno di quelli in grado di trasformare completamente – in meglio – la vivibilità di una casa e regalarvi una vera e propria stanza in più. Ecco perché quasi quotidianamente riceviamo domande di sopralluogo e preventivo da parte di clienti che vogliono trasformare la mansarda in soffitta abitabile. Sapete bene che, senza sopralluogo, è pressoché impossibile fare un vero preventivo, ma ci sono comunque alcune cose che dovete necessariamente valutare voi prima di contattare una qualunque ditta di ristrutturazioni edilizie a Roma e che possono aiutare anche voi a capire meglio se la vostra mansarda può veramente diventare una splendida camera da letto oppure semplicemente un angolo studio silenzioso e produttivo:

1) Quanta luce naturale c’è?

Prima domanda e forse la più importante. Se non ci sono già finestre, in effetti, il nostro progetto dovrà necessariamente includere dei lucernari o quantomeno delle finestre specifiche per i tetti in grado di fornire al vostro sottotetto non solo luce ma anche abbastanza aria da garantire un ambiente salutare e privo di muffa e umidità.

2) Com’è l’isolamento acustico?

Soprattutto in città, l’equazione ultimo piano = pace e silenzio non è sempre garantita. Se non avete mai vissuto troppo il vostro sottotetto, ma avete deciso di farlo diventare una vera e propria stanza della casa, è il caso che perdiate un po’ del vostro tempo a capire quanto rumore provochino i fattori esterni come pioggia, traffico (se, come detto prima, vanno inseriti nuovi lucernari, dovete considerare che le macchine si potrebbero sentire anche di più e quindi vanno considerati materiali ad alto isolamento acustico). Ricordatevi che, una volta fatti i lavori, se vi troverete a dormire in una stanza troppo rumorosa avrete sostanzialmente buttato tempo e soldi.

3) Qual è l’esposizione solare della stanza?

Il sottotetto è la parte di casa potenzialmente più esposta agli agenti atmosferici, soprattutto al calore che prende sia dal sole che dal resto della casa. Per questo è bene capire da subito il potenziale irraggiamento della stanza onde progettare tende oppure persiane apposite, ma anche la giusta posizione delle nuove finestre per garantire l’ottimo sfogo del calore accumulato. Se la stanza diventa invivibile per 3/6 mesi l’anno, non è una buona camera da letto ma può diventare una favolosa sala hobby oppure camera per gli ospiti occasionali: a casa vostra, nella vostra stanza dovete vivere sempre bene.

4) La temperatura

Fortemente collegato al punto 3, quello della temperatura è un punto del quale ci preme molto, soprattutto un’ottica di risparmio ed ecologia dei consumi. In questo caso, poi, incidono anche i materiali del tetto che, se non ventilato, ci obbligherà a inserire condizionatori inverter, coordinati con gli abbaini, in grado di mantenere la temperatura della stanza sempre entro termini accettabili, evitando muffe o disagi da calore/freddo.

5) Ma lucernari o finestre?

Questa domanda vi sarà balzata in testa appena ne abbiamo iniziato a parlare nel punto 1. La verità è che dipende dal tipo di stanza ma è anche vero che, se sono obbligato al lucernario, agenti atmosferici e animali potrebbe diventare un problema se si lasciano troppo le finestre aperte. D’altronde, non è possibile vivere bene in ambiente privi di ricambio d’aria o esclusivamente climatizzati in modo artificiale. La soluzione potrebbero essere dei sensori in grado di capire in tempo reale quando chiudere l’abbaino, facendoci evitare brutte sorprese al nostro ritorno a casa.

Tutto chiaro? Se state pensando di trasformare la mansarda in soffitta abitabile, pensate a questi 5 punti e poi chiamateci!

Comments are closed.